9 Tra le Più Iconiche Armi e Armature Vichinghe e La Loro Sanguinosa Storia

25.9.2018

Nel corso della maggior parte della storia, spesso l’uomo si è trovato a doversi confrontare con il fantomatico, e ormai anacronistico, uomo nero - un antagonista o un avversario così forte, così furioso, da riuscire a tener sveglio un intero popolo di notte ed a far torcere le mani per la frustrazione ad infiniti sovrani, incapaci di tener testa a questo temibile nemico.

Seppure ve ne siano stati molti, nessuno era così universalmente temuto come i Vichinghi.

I Vichinghi, provenienti dai tre paesi scandinavi di Danimarca, Norvegia e Svezia, erano conosciuti come feroci e formidabili avversari, capaci di scorrazzare in lungo e in largo, in gran parte incontrastati, durante il loro regno nella storia, dal 700 al 1100 d.C.

Durante questo periodo di 400 anni, conosciuto da molti come l’Era Vichinga, il popolo vichingo venne sia temuto che rispettato per la sua indiscussa abilità con armi e armature, su cui ci concentreremo ampiamente in questo articolo.

Armi Vichinghe

Nel 787 d.C., tre imbarcazioni vichinghe, o Drakkar, sbarcarono nell'Inghilterra meridionale, dove si batterono con la popolazione locale, dando inizio a un conflitto con l'Inghilterra che sarebbe durato per centinaia di anni.

L’Ascia Vichinga

Durante le numerose battaglie che si svolsero nel corso di molti anni, i Vichinghi utilizzarono svariate armi, ma una, in particolar modo, non mancò mai di accompagnarli nei loro sanguinosi scontri.

L’Ascia Vichinga

Tutti i Vichinghi solcavano le acque e si proiettavano in battaglia con un'arma in mano. Il più delle volte l’Ascia Vichinga rappresentava la loro arma preferita.

Con una lama che poteva variare da 8 a 45 cm di lunghezza, a seconda della ricchezza del proprietario, ed una lunga impugnatura, le Asce Vichinghe hanno concesso al loro possessore un enorme vantaggio quanto a raggio d’azione. Erano tipicamente indossate in vita, mantenute in posizione grazie ad una cintura.

Ulberht, la Spada Vichinga

Seppur comunemente associati all'ascia, i Vichinghi erano un popolo per natura bellicoso, per cui non dovrebbe sorprendere che non limitassero la loro dotazione di armi ad un solo oggetto.

La famosa Ulberht, altrimenti conosciuta come la Spada Vichinga, non era così comune come l’ascia vichinga. La disponibilità del ferro era alquanto limitata durante questa era di armi medievali ed era quindi, in genere, un bene posseduto solo dai più ricchi nella società vichinga.

Ulberht, la Spada Vichinga

Tuttavia, la tipica spada vichinga era senza dubbio una formidabile arma di distruzione. Questa spada a doppio taglio era lunga circa 88 centimetri, indossata sopra la spalla e impugnabile con la mano destra.

Arco e Frecce

Seppure i Vichinghi siano meglio conosciuti come abili combattenti nel corpo a corpo (e sicuramente lo erano), non si limitavano affatto a questo unico stile di combattimento.

I Vichinghi scoprirono presto che l'arco e la freccia, che inizialmente utilizzavano per la caccia, potevano essere utilizzati anche come un metodo efficace per sconfiggere i loro avversari.

Un abile arciere vichingo poteva sparare in media dodici frecce al minuto, prima che avesse inizio l'inevitabile combattimento a distanza ravvicinata.

Avvantaggiandosi di questa abilità, i guerrieri Vichinghi erano soliti rilasciare una raffica di frecce dalle loro barche prima di approdare e affrontare i loro avversari in combattimenti faccia a faccia.

La Lancia Vichinga

Un'arma vichinga, perfettamente idonea ad entrambi i ruoli di combattimento ravvicinato ed a distanza, era la Lancia Vichinga, che poteva variare da 90 centimetri a 3 metri di lunghezza e quindi disponibile in molteplici stili diversi.

Vi erano certe lance vichinghe progettate per essere lanciate a grandi distanze, mentre altre, molto più robuste, erano perfettamente idonee per i combattimenti ravvicinati.

Scramasax, il Coltello Vichingo

L'ultima forma di arma vichinga, indossata nei loro possenti cinturoni da macellazione, era il coltello. Seppure fossero di dimensioni e qualità differenti tra loro, queste lame rappresentavano una costante nel corso dell’era vichinga, considerando che perfino agli schiavi era concesso di possederne una.

Scramasax, il Coltello Vichingo

Lo Scramasax era un coltello di qualità decisamente più alta, posseduto dai guerrieri del ceto più ricco all'interno della società vichinga. Era molto più grande e letale del tipico coltello da combattimento, spesso dotato di una lama ricurva.

Sebbene queste 5 tra le migliori armi vichinghe fossero le più tipicamente usate dal popolo scandinavo durante questo periodo della storia medievale, erano ben lungi dall’essere le uniche in dotazione ai guerrieri dell’epoca.

I Vichinghi erano dei guerrieri versatili, decisamente capaci di dotarsi di qualsiasi tipo di arma e usarla, in caso di necessità, in un batter d’occhio. I Vichinghi erano molto più che semplici guerrieri brutali, come in seguito molti avrebbero finito con l’illustrarli.

Erano anche degli abili artigiani, in grado di plasmare armamenti da difesa ed opere d'arte di sbalorditiva bellezza, come la famosa Drakkar vichinga.

L’Armatura Vichinga

I Vichinghi, temuti in tutte le terre per la devastazione inflitta lungo tutte le coste durante la loro era, erano guerrieri rispettati, ben conosciuti per la loro astuzia e per le loro tattiche spietate.

Ancorché, non erano certo degli stolti; sapevano bene che per sopravvivere con uno stile di vita come il loro, dovevano proteggersi con armature come scudi, elmi e corazze.

L’Armatura Vichinga era in genere realizzata in spesso cuoio imbottito, il che conferiva protezione dalle armi appuntite a chi la indossava. Il vichingo medio spesso la utilizzava in battaglia.

La cotta di maglia, un'altra forma di corazza in voga all'epoca, era riservata ai più ricchi, poiché il ferro era molto richiesto e incredibilmente costoso.

Gli Elmi Vichinghi

Non tutti i Vichinghi indossavano un elmo, tuttavia, quando potevano, lo facevano di buon grado visto che la protezione aggiuntiva contribuiva a salvare molte vite nei combattimenti ravvicinati.

L’Elmo Vichingo era relativamente semplice da realizzare, spesso limitato nel design ad un semplice copricapo a forma di scodella ed una protezione metallica sporgente dal centro all’altezza del naso.

Malgrado la credenza popolare, vi sono scarse prove a conferma della dotazione di corna sormontanti gli elmi vichinghi, come spesso sono stati raffigurati. Le corna comportavano ben poca, se non nessuna, protezione aggiuntiva e costituivano solo un’altra protuberanza a cui un nemico potesse aggrapparsi durante il combattimento. Tutto si può dire sui guerrieri vichinghi tranne che non fossero pratici.

Gli Scudi Vichinghi

Gli Scudi Vichinghi

La storia dello Scudo Vichingo è a dir poco interessante. Nel corso della storia, solo pochi esemplari sono sopravvissuti fino a  noi, il che ha portato a una serie di dibattiti tra gli storici circa i loro metodi di costruzione.

Tuttavia, grazie al ritrovamento di alcuni preziosi manufatti, certe domande hanno trovato risposta.

Durante l’Era Vichinga, i guerrieri caricavano in battaglia brandendo uno scudo, dal design tipicamente rotondo e il cui diametro era mediamente oscillante tra i 75 ed i 90 centimetri.

Un guerriero solitamente forgiava da solo il proprio scudo, personalizzandolo in base al suo stile di combattimento ed alla sua statura.  Uno Scudo Vichingo non poteva essere né troppo grande né troppo piccolo, in quanto avrebbe reso suo proprietario, rispettivamente, troppo lento o troppo esposto al nemico.

Tutti gli esemplari di Scudi Vichinghi arrivati fino a noi risultano intagliati da tavole massicce, spesso in legno di abete, peccio o pino.

Le Imbarcazioni Vichinghe

Avremmo fatto un pessimo lavoro se non avessimo parlato affatto di quella meraviglia nota come la Drakkar vichinga, temuta in tutto il mondo conosciuto durante l'era vichinga.

Senza la loro imbarcazione, i Vichinghi non sarebbero mai potuti arrivare al potere e il loro stile di combattimento, grazie al quale si sono rapidamente diffusi, non avrebbe mai avuto corso sull'acqua.

I Norreni erano probabilmente i marinai più capaci del loro tempo, capaci di navigare ovunque con le loro barche e di raggiungere addirittura l’America ad Ovest e l’Asia Minore nel lontano Est.

Le fonti straniere contemporanee del periodo descrivono in questo modo la barca vichinga:

  • Le navi vichinghe erano dotate di scafi flessibili, a corsi sovrapposti, in grado di seguire le onde come esseri viventi.
  • Le migliori navi sono paragonate a draghi, uccelli e serpenti marini.
  • Le navi vichinghe potevano essere costruite con estrema rapidità su una spiaggia.

Le Imbarcazioni Vichinghe

Sebbene siano state tramandate molte storie nel corso dei secoli, il numero di Drakkar vichinghe scoperte fino ad oggi è decisamente esiguo. Le poche rinvenute, erano oramai distrutte e ridotte in pezzi.

Malgrado ciò, la realtà è evidente: l'Era dei Vichinghi era indubbiamente dominata dalla Drakkar, con cui questi coraggiosi guerrieri solcavano i mari, saccheggiavano e conquistavano, così da meritarsi permanentemente un posto sui libri di storia fino alla fine dei tempi come alcuni tra i più abili guerrieri nella storia dell’umanità.

Leggere

Tutto ciò che va saputo sugli MMO
15.4.2018
La Differenza tra Giochi Orientali e Giochi Occidentali
Tutto ciò che va saputo sugli MMO
19.3.2018
Alla Scoperta Dell’Esclusivo Mondo Degli RPG Strategici