Strategie di guerra a Sparta

Salute a voi, Arconti! Mi chiamo Richard Arntzen e sono il capo della Lega Valhalla.
Sono il fondatore e ex capo dell'alleanza AeO così come dell'alleanza Valor.

Vorrei condividere con voi un po' della mia esperienza e darvi qualche indicazione su meterie e situazioni che mi capita di vedere spesso e che io ritengo essere parzialmente la ragione per cui certe Leghe non riescono mai a realizzare quel “decollo” cui tanto anelano.

Quindi… Strategie di Guerra

Sia che lo scontro sia già previsto o ancora una semplice opzione, ricordate che questo è un gioco di stretegia.
Prima di entrare in guerra, o anche solo menzionare questa parola ad un altro Egemone, è fondamentale sapere cosa si intende ottenere. Schiacciare il nemico, o punirlo per avervi insultato, è un gesto nobile ma forse non è la situazione ideale.

Io mi adopero a portare avanti un bel po' di negoziazioni per conto di altri, sia Leghe che Alleanze.
La mia prima domanda a ciascuna delle parti in causa è sempre la stessa: qual è il tuo obiettivo finale? Dove vuoi arrivare?

La maggior parte delle volte non ne hanno la più pallida idea. Si limitano a combattere, sperando di vincere, ma non hanno deciso come veramente definirebbero una vittoria dal punto di vista personale. Quali sono le “condizioni vincenti”? Cosa si vuole ottenere, e sulla base di quali criteri accereste una tregua?

Per quel che mi riguarda, prima di fare la mossa iniziale già conosco quale sarà l'ultima. So perfettamente ciò che voglio che accada.
Sono cosciente di quello che voglio ottenere e sulla base di quali condizioni ho voglia di risolvere la disputa.
Metto insieme la mia formazione di battaglia e faccio le mie mosse in base a quella.

L'aspetto più importante è sapere quando fermarsi.
Molte volte ho ritenuto giusto porre termine ad una guerra ma i miei compagni non ne avevano ancora avuto abbastanza, la loro brama di sangue e carneficine non si era ancora acquietata.

Ma se le “condizioni vincenti” sono state soddisfatte, allora dovete fermarvi.
Assicuratevi che i vostri compagni sappiano della vostra vittoria e che avete raggiunto l'obiettivo che vi eravate prefissati.
Tirate troppo la corda, e potreste obbligare altri a entrare nel conflitto, e la vostra vittoria si trasformerà in sconfitta.

Detto questo, vincere o perdere non è così importante come si possa pensare.
Immaginate per un attimo ad una partita a scacchi.  Impostate la vostra strategia, muovete i pezzi, e vincete o perdete. Comunque vada, alla fine della partita stringete le mani con il vostro avversario, lo ringraziate per la bella partita e andate per la vostra strada.

Tutto qui. Una semplice partita. Che la squadra migliore vinca. L'importante è divertirsi.

Per diventare bravi, si rende necessario perdere… Non esiste alternativa. Occorre che qualcuno vi faccia comprendere i vostri punti deboli, e da queste esperienze non potrete che trarne una lezione.

In qualità di leader, potete usare questo concetto e motivare i vostri compagni a crescere e imparare.
Ricordate: si tratta solo di una partita... Vivete, imparate e divertitevi!

SINTESI

Questo non è il posto giusto dove dilungarsi in approfondimenti su un soggetto specifico, quanto piuttosto soffernarsi su un paio di aspetti cui mi capita spesso di assistere.

Ad ogni modo, spero di aver ispirato almeno un paio di sorrisi se vi sarete riconosciuti in alcune delle situazioni descritte, sia che siate i tipi che “prendono fuoco facilmente” oppure quelli che devono sopportare compagni che li opprimono a proposito dei Pantheon.

Prendete queste righe per quelle che sono. Solo il mio punto di vista e la mia esperienza, niente di assoluto.

In fin dei conti, tutto si basa sul predisporre dei chiari obiettivi e sul concepimento del percorso che potrà condurvi a quegli obiettivi.
Non è possibile raggiungere una destinazione se non sapete quale sia o dove si trovi.
Una volta che avrete un obiettivo e un piano, tutto ciò che vi resta da fare è seguire quel piano ed essere pazienti!
E non dimenticate mai di divertirvi!

INCIDI IL TUO NOME NEI LIBRI DI STORIA SU
SPARTA: WAR OF EMPIRES