Chi è Jeff Maginniss?

Jeff raccontato da sé stesso e il suo rapporto col Gioco!

JeffMi piacciono da pazzi i buoni giochi di strategia. Mi piace il modo in cui ti è possibile fare un passo indietro e osservare una situazione per trovare la soluzione che ti porterà alla vittoria. Nel corso degli anni ho partecipato a svariati giochi strategici di grande qualità, compresi Homeworld della Sierra Entertainment, Massive Assault della Wargaming.nett, Starcraft e Warcraft III della Blizzard, Red Aleret della Electronic Art, il gioco da tavolo Risiko della Parker Brothers e perfino il più antico di tutti: gli Scacchi.

Spesso la strategia viene trascurata dai giocatori più impulsivi che amano distruggere le cose senza star lì troppo a pensare alle tattiche a lungo termine. Ero solito prendere delle sonore lezioni giocando a Risiko con gli amici, fino a quando ho iniziato a imparare il concetto di osservazione. 

Cerca di capire le attitudini dei giocatori e usa questi segni rivelatori contro di loro. Purtroppo non ho mai sfondato come Giocatore di Poker, ma mi diverte un mondo partecipare a giochi dotati di una buona e solida base strategica.

Sono nato e cresciuto in Connecticut, Stati Uniti d'America. Sin dalla più tenera età mi sono appassionato di computer e videogiochi, iniziando con un vecchio Apple II GS e l'ormai classicissimo gioco Gauntlet. Gauntlet era un gioco d'avventura stile top-down da cui ho appreso la gestione delle risorse, la classificazione del nemico sulla base delle priorità ed il lavoro di squadra cooperativo, che mi avrebbe condotto nel mondo della strategia bellica e dei giochi tattici.

Quando acquistai il mio Sega Mega Drive – uno dei migliori giochi a cui io abbia mai partecipato (ed a cui ancora partecipo di quando in quando) era un gioco semisconosciuto chiamato Herzog Zwei. Un precursore molto primitivo ma fondamentale dei giochi RTS che conosciamo oggi, come Starcraft e altri. Devo essere rimasto connesso quasi l'equivalente di un anno della mia vita a quel gioco che ho trovato sullo scaffale delle offerte a $ 10 nei primi anni '90.

A metà anni '90 ho iniziato ad addentrarmi più nel genere Sparatutto In Prima Persona (FPS) con i classici giochi Quake e Quake II della ID Software. Ciò che mi attirò particolarmente a questi giochi non furono tanto le armi appariscenti e rumorose, quanto piuttosto gli elementi implicanti il lavoro di squadra in una sorta di partita 8 contro 8 con obiettivo finale. Mi unii ad un clan e cominciai a viaggiare per partecipare ai LAN party assieme ad un gruppo con cui mi prodigai per vincere manche e round e riuscire così a salire verso la vetta e rivendicare la meritata corona. Ciò che ci rese efficaci fu la nostra capacità di pianificare in anticipo. Certo, era sempre possibile andare ad armi spianate stile Yosemite Sam, ma questo avrebbe solo contribuito ad attirare l'attenzione e alla fine ci saremmo trovati maciullati e confinati nella parte infima della classifica. Quake II CTF fu la prima situazione da "cyber-atleta" in cui riuscii ad adattare la strategia, specificamente quella dei multiplayer con compagni e avversari umani. 3 restano indietro, 3 di copertura al centro, 2 raggiungono l'obiettivo... tutti avevano un proprio ruolo e le cose cominciarono a funzionare.

Sono sempre stato appassionato di giochi che permettono ai partecipanti di avere di fronte il quadro più ampio e di incontrare grandi giocatori lungo il cammino. Soldiers Inc. della Plarium racchiude quel particolare elemento di strategia, seppure ancora in fase di sviluppo. Il potenziale di Soldiers Inc. è enorme, e non vedo l'ora di conoscere i prossimi aggiornamenti.

Sono appassionato di scrittura tecnica. Mi piace recensire prodotti e tecnologie, assimilare nuove conoscenze e condividerle con gli altri in modo che, a loro volta, essi possano godere delle mie scoperte. 

Una delle prime esperienze con Soldiers Inc. è stato il sistema di combattimento. Così tante persone si limitavano semplicemente ad inviare il loro intero esercito verso un obiettivo 'sperando per il meglio', ma io ero determinato a perfezionare questo sistema in modo da renderlo più efficiente e ottenere così il massimo dai miei soldi. Rifacendomi alle mie radici in strategia e analisi, cominciai a notare l'esistenza di un senso a tutta quella follia; la proverbiale luce alla fine del tunnel! Così iniziai a discutere in merito alla mia strategia assieme ad altri giocatori e detti vita ad un gruppo su Facebook in modo che anche altri potessero trovare un aiuto nell'ambito di una parte integrante del gioco, senza doversi arrendere.

Nel corso dell'ultimo anno ho ricevuto innumerevoli messaggi da giocatori che mi ringraziavano per l'aiuto ricevuto nel predisporre una vera e propria strategia e nel riscuotere maggior successo nella difesa dei loro beni, nelle razzie e nell'ascesa verso la cima della classifica C&D. Messaggi di questo tipo mi rendono felice di essere riuscito a raggiungere così tanta gente ed a convincerla a proseguire nel gioco.
Dopo tutto, non è possibile avere un gioco a partecipanti multipli di massa delle dimensioni di Soldiers Inc. senza giocatori…
 

Jeff Maginniss è l’Amministratore Delegato della Sam and Oliver –5 LLC, un’impresa di produzione di Salse Gourmet per Barbeque e Piccanti basata nel Connecticut. Nel suo tempo libero, Jeff lavora come Responsabile del reparto Assistenza della Stanley Black & Decker, sempre in Connecticut.

Il ruolo principale di Jeff è quello di Amministratore della Coalizione "Versalife" nell’ambito della zona di combattimento Zandiana, affiliata come compagnia militare privata della Syndicate. “Versalife” , se necessario, può essere contattata per contratti di lavoro. Durante il suo lavoro di pianificazione delle strategie per la Versalife, Jeff si diletta a snocciolare numeri e analizzare i dati per la comunità di giocatori di massa online nell’ambito del conflitto Zandiano.

Hai quello che serve per condurre le truppe alla vittoria?
Venite piombo vostra in Soldiers Inc!