È giusto che gli MMO prevedano dei sequel?

22.12.2016
Gioca Adesso

Gli MMO cambiano costantemente e tendono ad evolversi col tempo. Questa è la loro natura di immense storie senza fine. Molti MMO iniziano come un semplice gioco, ma col tempo cambiano il loro obiettivo, il loro modello di pagamento, o perfino le caratteristiche stesse del gioco fino al punto di assumere le sembianze di un titolo completamente diverso dall’originale. Al fine di mantenere una piattaforma di giocatori sempre attiva, molti sviluppatori introducono di continuo nei loro giochi dei nuovi contenuti sotto forma di eventi a tempo, contenuti scaricabili (DLC) o espansioni complete. Gli MMO che restano inalterati troppo a lungo rischiano di vedere i propri giocatori migrare verso titoli diversi a causa della noia derivante dal “ripetersi a ciclo continuo delle medesime situazioni”.

Ma quando si può dire che troppo è troppo? C'è un punto in cui un gioco online diventa talmente espanso, così obsoleto, o così differente dalla sua originale versione tale da rendersi necessario un nuovo inizio? Oppure gli sviluppatori dovrebbero più semplicemente proseguire la loro opera di espansione e rifinitura del gioco, senza mai passare ad altro?

Innovare è sempre meglio

Ci sono un bel po’ di vantaggi nel passare ad un gioco completamente nuovo. Il primo sta nel disporre di un nuovo ambiente sicuro in cui sperimentare con nuove funzioni e meccaniche di gioco. Immagina la tua reazione se un MMO, a cui stai partecipando da qualche anno, improvvisamente decidesse di rivoluzionare il sistema di combattimento nella sua essenza. Saresti probabilmente furioso. Un sequel consente ai progettisti di modificare le meccaniche base di un gioco senza per questo rischiare di alienare lo zoccolo duro dei suoi giocatori. Una partenza completamente nuova è anche l’opzione migliore se gli sviluppatori desiderano provare un nuovo motore grafico o un’altra tecnologia.

Dal punto di vista di uno sviluppatore, un sequel è anche l’occasione per creare nuovi contenuti senza danneggiare il contenuto esistente o il ciclo continuo del gioco stesso. Aggiungere costantemente nuove funzioni ad un gioco già esistente richiede un bel po’ di bilanciamento e compromessi, e può portare ad effetti disastrosi in caso di scarsa attenzione. Questo può risultare limitativo quanto a numero di funzioni aggiungibili dagli sviluppatori senza danneggiare alcunché. Inoltre, lavorare su un nuovo progetto può effettivamente comportare l’introduzione di un nuovo clima in uno studio, magari contribuendo a riaccendere la fiamma della creatività.

Tuttavia, a creazione di un sequel per un MMO presenta i suoi lati negativi. Una volta che gli sviluppatori saranno passati al gioco successivo della serie, questi potrebbero finire col trascurare la loro precedente creazione. Oltre a ciò, può risultare stressante e oneroso mantenere due giochi differenti per un piccolo studio. Seppure lo sviluppatore non abbandoni il gioco, questo potrebbe invece essere il caso dei giocatori, i quali sovente finiscono col dedicare completamente la loro attenzione al nuovo titolo. Non è raro assistere ad un’emorragia di utenti di un MMO dopo il lancio del suo sequel.

Espandi i tuoi orizzonti

La pratica più comune negli MMORPG e nei giochi di strategia online è di lanciare frequenti espansioni dei contenuti. Queste sono più celeri da sviluppare rispetto ai sequel completi e presentano rischi molto minori, grazie alle piccole modifiche apportate al gioco, di infastidire i giocatori di lunga data. Le espansioni hanno anche lo scopo di evidenziare diversi aspetti del gioco, soddisfacendo in ogni occasione le necessità di diverse tipologie di giocatori - nuove aree per gli esploratori, nuovi mostri letali da sconfiggere per gli amanti della sfida, e così via. Molti dei titoli più importanti si affidano a grandi espansioni per garantire sempre la freschezza dell'esperienza di gioco, pur mantenendo il fascino originale, facendo quindi appello sia ai nuovi giocatori che a quelli ormai veterani.

Ma le espansioni non rappresentano sempre la risposta più adatta. Dopotutto, le espansioni possono rivelarsi piuttosto limitative quanto ad ambito di applicazione, e raramente riescono a riattirare giocatori che hanno perso interesse nel gioco ormai da tempo. La maggior parte delle volte, le espansioni possono essere riassunte molto semplicemente come “ancora altro della stessa roba”. Questo può andar bene per mantenere attivi i giocatori più coinvolti, ma non è certo l’ideale per espandersi verso un nuovo pubblico. Oltretutto, è anche possibile che un’espansione possa danneggiare perfino lo zoccolo duro degli utenti di un gioco. Quando viene aggiunto un nuovo contenuto, c’è sempre la possibilità che il contenuto più datato del gioco divenga irrilevante od obsoleto. La gente è per natura attratta da ciò che risulta nuovo, quindi molti giocatori si riverseranno in massa verso una nuova area, lasciando quella vecchia molto scarsamente popolata. Inoltre, più aree ci sono in un gioco, più la comunità diviene sparsa, rendendo più difficile per i giocatori trovare altri utenti con cui giocare.

Qual è il tuo pensiero?

Sia i sequel che le espansioni hanno i loro vantaggi ed i loro svantaggi. Non esiste una risposta chiara su come mantenere vivo e aggiornato un MMO nel corso degli anni. In ultima analisi, sta ai giocatori fare in modo che gli sviluppatori sappiano quali sono le loro preferenze. Vorresti partecipare allo stesso MMO, con sempre più contenuti aggiunti nel corso degli anni, oppure sei quel tipo di giocatore che ama trarre vantaggio da una nuova espansione prima di passare all’avventura successiva?